Ti occupi della gestione di un blog ma non riesci a raggiungere un numero adeguato di utenti, né a far crescere il loro tasso di engagement con i tuoi articoli? Prova a diversificare i contenuti: realizzarne in numero elevato (senza rinunciare alla qualità) e veicolarli attraverso il maggior numero di canali, amplifica il numero possibile di visualizzazioni, lettori e – in definitiva- potenziali clienti.

Per aumentare la Brand Awareness della tua azienda dovrai essere attivo su quante più piattaforme web possibile: sito web istituzionale, Facebook, Twitter, Instagram e LinkedIn.

In particolare LinkedIn offre una funzione specifica per la creazione e la diffusione di contenuti blog: si tratta di Pulse.

Ecco una guida completa (e concreta) all'utilizzo di questo strumento:

 

New call-to-action

 

Che cos'è LinkedIn Pulse e come funziona?

Pulse è la sezione di LinkedIn che mutua il funzionamento di un blog, uno spazio, accessibile attraverso il proprio profilo personale, dove poter scrivere e pubblicare articoli. Attraverso Pulse è possibile mostrare, ad un pubblico di utenti interessati, la propria expertise e la propria competenza in un determinato settore o su un argomento specifico.

Se rappresenti un'azienda o sei un leader nel tuo settore, questo è un modo semplice ed efficace per costruire rapporti commerciali interessanti. Dopo tutto, la maggior parte delle aziende è già presente su LinkedIn.

 

1-99

 

Parliamo di dati: settimanalmente vengono pubblicati più di 130.000 articoli originali e, con la stessa cadenza, gli utenti ricevono digest via e-mail delle notizie personalizzate in base ai propri interessi e alle connessioni. Ogni volta che un utente salva un articolo per leggerlo in un secondo momento, o decide di non seguire più un topic, le sue azioni affinano le raccomandazioni future.

 

Due motivi per cui dovresti usare LinkedIn Pulse

Sappiamo cosa stai pensando: "Cosa rende LinkedIn Pulse migliore di altre reti?" oppure "Perché dovrei pubblicare articoli su Pulse se ho già un blog?"

Uno dei maggiori vantaggi di Pulse è che nasce con il preciso scopo di aiutarti a coltivare e far crescere le tue relazioni professionali sulla piattaforma. Per questo motivo, Pulse è ottimo per aiutarti a connetterti con il tuo pubblico a un livello più profondo.

 

1.  Connettiti con il tuo pubblico

Sai che, attraverso LinkedIn, i tuoi contenuti raggiungeranno professionisti a tutti i livelli, in diverse tipologie di aziende.

Puoi sfruttare questi contenuti per migliorare il tuo personal branding e, di riflesso, mettere in luce la tua azienda: proprio come una qualsiasi pubblicazione per il web, un articolo di Pulse può aiutarti ad aumentare la tua visibilità. Ogni volta che posterai un contenuto in linea con gli interessi manifestati dalle tue connessioni, LinkedIn invierà loro una notifica. In questo modo, i tuoi post non andranno persi nell'incessante flusso delle pubblicazioni.

 

2.  Coinvolgi potenziali clienti attraverso contenuti utili

LinkedIn Pulse è eccezionale anche perché aiuta a ingaggiare i lettori attraverso contenuti veramente utili.
Ciò è reso possibile dalla natura unica di LinkedIn, luogo in cui si combinano reti sociali e professionali.

I professionisti inscritti alla piattaforma sono motivati a crescere e imparare, vogliono interagire con una rete, seguire le persone e i brand a cui sono interessati e stabilire connessioni.

Se crei contenuti di alta qualità, puoi aiutare il tuo pubblico a interagire.

Secondo LinkedIn, il 62% dei membri iscritti alla piattaforma afferma di interagire con i contenuti di carattere informativo o educativo, e il 61% afferma di interagire con contenuti pertinenti per loro.

Quindi, se pubblichi contenuti pertinenti, stimolanti o educativi, in pochissimo tempo avrai una rete ingaggiata e attiva. Sei pronto a creare il tuo primo articolo Pulse?

 

Come pubblicare su LinkedIn Pulse per raggiungere il tuo pubblico

Prima di procedere alla realizzazione dei contenuti, è bene ricordarlo, dovrai definire attentamente i tuoi obiettivi e la strategia per raggiungerli: vuoi condividere i consigli degli addetti ai lavori, rafforzare il tuo brand dell’azienda per cui lavori, diventare una figura di riferimento per una nicchia di mercato o espandere la tua rete?

Per realizzare un articolo Pulse devi entrare all'interno del tuo profilo personale e cliccare su “Scrivi un Articolo”.

2-518

Si aprirà una pagina che ricorderà da vicino la struttura di un blog e potrai iniziare a lavorare inserendo queste informazioni:

  • titolo
  • testo
  • immagini e/o video
  • link e slide

Ad articolo -e formattazione- ultimata potrai pubblicare il tuo articolo e renderlo visibile alla community di LinkedIn. Ricorda: la piattaforma adatta i contenuti a ciascun individuo in base ai propri interessi. In questo modo, gli utenti vedono solo il contenuto che hanno un reale valore per loro.

Ecco di seguito i 4 passaggi per la creazione di un articolo Pulse.

 

1.  Crea il contenuto

Il primo passo nella realizzazione di un articolo Pulse consiste nell’identificare l’argomento di cui vorrai parlare, il target a cui il testo si rivolgerà e le keyword con cui questo si posizionerà online sui motori di ricerca (e con cui gli utenti lo cercheranno).

Sembrerà banale, ma solo avendo ben chiari questi elementi riuscirai a realizzare un testo coerente, interessante e fedele all'obiettivo prefissato dalla prima all'ultima parola.

Sii chiaro e comprensibile, ma soprattutto autentico: Google premia i contenuti originali e penalizza fortemente i duplicati.

Sei in dubbio sulla keyword che sarà alla base dell’articolo? Ricorri a strumenti online quali Answer the public o SEOZoom: in questo modo potrai sapere quali sono i volumi di ricerca della keyword online. Ricorda di seguire le principali regole SEO per la realizzazione di un contenuto, garantirai un migliore posizionamento all'articolo.

A contenuto ultimato controlla l'ortografia e la grammatica. Refusi e punteggiatura errata possono rovinare il successo di un articolo in un batter d'occhio. Lavora anche sulla formattazione, inserendo grassetti, elenchi puntati, titoli ai paragrafi, link a fonti esterne e ulteriori contenuti grafici (video, immagini, slide).

Il testo risulterà più ordinato, immediatamente comprensibile e i tuoi lettori ringrazieranno.

 

2.  Inserisci un'immagine di anteprima

Pulse ti consente di caricare un'immagine di intestazione. La dimensione migliore è 600 x 322 pixel (o, se scegli di raddoppiare la dimensione, a 1200 x 644 pixel). Nel caso in cui sia più grande puoi trascinarla e riposizionarla, adattandola nel modo più efficace allo spazio dell'intestazione.

Quale immagine, fotografia o grafica utilizzare per l’immagine di anteprima? Non ci sono regole stringenti, se non quelle di scegliere immagini in alta risoluzione (per evitare lo sgradevole effetto “sgranato”) e controllare accuratamente i diritti di autore su quella creatività.

3-516

Per essere sicuro di rispettare i vincoli del copyright ti basterà ricorrere ai tanti numerosi siti online che offrono gratuitamente immagini e fotografie (Freepik, Unsplash, …). Se ti senti particolarmente creativo puoi anche cimentarti nella realizzazione di una grafica, sfruttando siti online come Canva. La registrazione alla versione Basic è gratuita e potrai creare materiali a partire dai tanti template disponibili o impostando dimensioni personalizzate e creando un modello da zero. Canva permette di combinare immagini, filtri, grafici e testi. Una volta che la tua grafica sarà pronta potrai scaricarla su pc e, da lì, caricala su LinkedIn.

 

3.  Scrivi un titolo

Avrai bisogno di un titolo accattivante per accompagnare la tua immagine. Ricorda che stiamo parlando di uno degli aspetti più importanti per un articolo di successo. Dovrà essere unico, interessante e composto con keyword pertinenti.

Se vuoi dare un senso di autorevolezza sfrutta numeri e statistiche, mentre scegli parole che richiamano la sfera emotiva se vuoi catturare l’attenzione dei lettori. È la regola giornalistica, sempre valida, dei “titoli caldi” e “titoli freddi”, scegli la formula più adatta di volta in volta, in base a pubblico e obiettivo.

Ricorda però di non esagerare, preferendo testi brevi, semplici e pertinenti. Se i titoli sono troppo lunghi, salva alcune delle informazioni per la tua presentazione.

Ora sei pronto per pubblicare il tuo post.

 

4.  Pubblica il tuo post

Cliccando sul tasto “Pubblica”, LinkedIn ti chiederà di impostare anche un breve testo per il post che accompagnerà il tuo articolo e lo introdurrà nel feed e di selezionare alcuni tag, preziosissimi per aiutare gli utenti a scoprire il tuo contenuto.

È l’ultimo sforzo prima della messa online: il testo del post dovrà essere conciso e convincente, perché in poche righe dovrai invogliare gli utenti a cliccare e leggere l’articolo completo.

4-593

Per il momento LinkedIn ti permette di salvare bozze dei tuoi articoli Pulse, ma non di programmarne la pubblicazione: dovrai ricorrere ai tradizionali promemoria per accedere a LinkedIn e fare la pubblicazione nel momento che avrai identificato come migliore.

Una volta effettuata la pubblicazione, il post diventerà parte del tuo profilo e verrà visualizzato nella sezione "Attività".

Contestualmente alla pubblicazione, i tuoi follower riceveranno una notifica sui tuoi nuovi contenuti aggiunti. Grazie ai tag che avrai inserito nel post anche utenti che non sono collegati con te, ma che rientrano nel tuo settore o con cui condividi alcune connessioni, potranno ricevere un aggiornamento sul tuo post.

 

Massima visibilità all'articolo? Due consigli in più.

Vuoi sfruttare al massimo LinkedIn e dare al tuo articolo Pulse massima visibilità? Segui queste indicazioni:

  • Crea un calendario editoriale. Impostare un calendario dei contenuti ti farà risparmiare tempo nel lungo periodo, ti aiuterà a pianificare i le pubblicazioni e a mantenerle organizzate. Se pubblicherai articoli e post con regolarità, sarà più facile mantenere alto il livello di attenzione e coinvolgimento dei tuoi lettori.
  • Ottimizza il tuo profilo personale. I profili completi (e con loro i contenuti pubblicati) di solito si posizionano più in alto nelle ricerche. Anche i profili con aggiornamenti regolari hanno una maggiore visibilità, puoi mantenere attivo il tuo semplicemente aggiornando frequentemente lo stato di LinkedIn.

Inizia subito a ottimizzare il tuo profilo, scarica la nostra Guida Gratuita:

 

New call-to-action

 

LinkedIn Pulse o blog del tuo sito web?

Quando pubblichi un articolo sul tuo blog, lo fai alle tue condizioni (ad esempio puoi impostare la condivisione automatica sui tuoi canali social, oppure puoi pianificare e programmare data e ora di pubblicazione).

Quando utilizzi Pulse, invece, le pubblicazioni seguono le regole di LinkedIn: è l’algoritmo della piattaforma a determinare come e a chi mostrare i tuoi contenuti. Dunque, se vuoi che Pulse consigli i tuoi articoli, devi giocare secondo le regole di LinkedIn, ottimizzando i contenuti e il profilo personale nel modo in cui abbiamo descritto.

Quando pubblichi sul tuo sito web un contenuto SEO friendly ottieni vantaggi in termini di posizionamento e aumento del traffico sulla pagina. Se vuoi che anche LinkedIn porti traffico al tuo sito, devi ricordarti di inserire un link diretto alla pagina a cui desideri dare visibilità.

Abbiamo già parlato dell’importanza di non pubblicare mai lo stesso contenuto su due canali online, ma non significa necessariamente raddoppiare il numero degli articoli che dovrai realizzare. Se desideri trattare uno stesso argomento su entrambe le piattaforme (blog e LinkedIn Pulse), puoi farlo in due modi:

  • Modifica l’articolo originale e pubblica due diverse versioni.
  • Pubblica la versione completa dell’articolo sul tuo sito Web e scrivi un post teaser su LinkedIn, così da indirizzare gli utenti a leggere il resto dell'articolo sul tuo sito.

Come vedi esistono molti modi per sfruttare la potenza della tua rete: approfitta di LinkedIn Pulse per affermarti come leader di pensiero nel tuo settore, aumentare la notorietà del tuo brand online e far crescere il tasso di coinvolgimento degli utenti.

Post Correlati