Il Birrificio di Legnano è stato il posto giusto per parlare di tecnologia e digitale.
Dopo il progetto formativo l’istituto G. Torno di Castano Primo, la partecipazione al Milano Marketing Festival (MMF) e lo spettacolo “Dobbiamo tutto agli Hippie - Alle radici della New Economy” di Roberto Bonzio, gli eventi di Pirates navigano nuovamente nelle acque di Legnano per affrontare i temi caldi della sostenibilità aziendale e dei nuovi processi di marketing digitale.

Con chi? 

  • Andrea Poretti – Come affrontare il tema della digital transformation? Con un caso emblematico! Andrea, CEO di Cepar Digital Agency, ha raccontato la storia e, soprattutto, i vantaggi offerti alle aziende da HubSpot, start-up creata nel 2006 da due studenti che sono stati in grado di rivoluzionare il paradigma del marketing digitale: unire i processi di marketing e sales in un’unica metodologia, l’Inbound! Un approccio che permette di sfruttare la potenza del digitale e dei processi di Marketing Automation per gestire in contatti in modo puntuale e customizzato, e per presentarsi sul mercato come la soluzione ai problemi dei propri futuri clienti!
  • Patrizia Giangualano – Tu sai cos’è l’economia circolare? Con questa dicitura si indica un modello economico basato sulla sostenibilità e sul riciclo, nel quale non ci sono prodotti di scarto e in cui le materie vengono costantemente riutilizzate. Patrizia è consulente di primarie società in ambito governance, rischi, controlli e sostenibilità. Insomma, ha fatto dell’evoluzione delle aziende sostenibili una missione e a Pirates ha presentato il suo nuovo libro “Sostenibilità in cerca di imprese”.
  • Aurèlie Martin - marsigliese trapiantata a Milano, ambientalista per passione ed eco-imprenditrice per professione: Aurèlie studia strategie di comunicazione digitale dedicate alla sostenibilità e durate la serata ci ha raccontato come e perché le aziende hanno il dovere di comunicarla. Online è conosciuta come Madamoiselle Green, ha un blog e racconta il tema della sostenibilità a 360°, per coltivare una cultura green che nasca dal quotidiano di tutti noi.

 

A chiudere la serata i ragazzi dell’ISIS Facchinetti di Castellanza, che hanno presentato due progetti interdisciplinari: Morning Coffee, la macchina da caffè tecnologicamente avanzata con controllo vocale e un programma in grado di autoaggiornarsi, e Xolomon il sistema per il monitoraggio del livello del fiume Olona realizzato con il dipartimento di Ingegneria Civile del Politecnico di Milano e già in dotazione della protezione civile locale.

 

Il tutto accompagnato da una birra fresca appena spillata. Da veri pirati. 

Ecco gli scatti migliori della serata!

Post Correlati